jump to navigation

focaccia alle cipolle 6 luglio , 2011

Posted by vogliadidolci in torte salate.
Tags: , , , , ,
add a comment

 

 

Mamma mia che caldo!! Finalmente è arrivata l’estate 😀

E perchè non festeggiare con una cosa leggera leggera (ehhhhhhhh leggera vero?!) come una bella fetta di focaccia con le cipolle?

Mmmm..mi sa che anche questa apina sulla margherita si è messa in coda ad aspettarne una briciolina..ha un profumo….

Focaccia alle cipolle

500 g farina

250 g acqua

50 g olio d’oliva

12 g lievito di birra

10 g sale

5 g zucchero

150 g cipolle tagliate finemente

  • Porre nell’impastatrice la farina, l’acqua, l’olio e il lievito sbriciolato e iniziare ad impastare con il gancio a foglia per 10 minuti
  • Incorporare il sale e lo zucchero, cambiare il gancio e mettere l’uncino e impastare altri 10 minuti finchè l’impasto non è bello liscio e omogeneo
  • Porre in una ciotola di vetro possibilmente e far lievitare coperto da un canovaccio per un’ora circa o fino al raddoppio.
  • Accendere il forno a 200°C
  • Ungere una teglia e porvi le cipolle, infornare per 3 minuti, togliere e far raffreddare.
  • Stendervi  sopra la pasta lievitata e far lievitare 10 minuti
  • Infornare per 15-20 minuti circa finchè non sarà ben dorata.

crakers e grissini al rosmarino 5 gennaio , 2011

Posted by vogliadidolci in corsi pasticceria, lievitati.
Tags: , , , , , , , ,
add a comment

Eccomi tornata, dopo la quasi fine delle feste, con una ricetta salata, sfiziosa e…lievitata.

Non ho mai avuto un buon rapporto con i lievitati e non lo ho ancora tutt’ora.

Tutto quel tempo ad aspettare che l’impasto grezzo cresce, poi sgonfiarlo, doverlo far lievitare di nuovo e se sbagli le proporzioni…un disastro! tutto quel lavoro buttato perchè magari durante la cottura non ne vuol sapere di crescere o cuocersi a dovere…

Per non parlare degli impasti con lievito madre! ore e ore e ore di lunga e lenta lievitazione..sperando sempre di arrivare in tempo e che non sia già inacidita 😀

Amo le brioches e tutti i suoi simili e affini ma per farle…devo avere una grosse dose di sedativi, un gran temp a disposizione ma soprattutto una grandissima pazienza!!

Ma sicuramente a molti di voi piacerà guardare lo svilupparsi, crescere, cuocere e infine gustare la vostra pazienza quindi…passiamo a questi snak gustosissimi!

GRISSINI E CRAKERS AL ROSMARINO E SALE GROSSO

750 g farina Manitoba oppore farina “0”

240 g acqua tiepida

240 g latte tiepido

82 g olio extra vergine di oliva

12 g lievito di birra

10 g sale fine

2 g zucchero

10 g rosmarino tritato

20 g tuorlo

sale grosso

  • Unire acqua, latte e olio formando un’emulsione, sciogliervi lo zucchero all’interno
  • Impastare la farina con l’emulsione precedente per almeno 5 minuti, finchè l’impasto inizia a diventare elastico
  • A questo punto unire il lievito sbriciolato, il tuorlo e il rosmarino e impastare per altri 10 minuti. L’impasto deve risultare ben incordato, sodo, elastico e se state lavorando con un’impastatrice, deve steccarsi dalle pareti.
  • A questo punto unite il sale (deve essere sempre unito per ultimo per non rovinare la maglia glutinica, cioè l’elasticità dell’impasto) e impastare 2 minuti, giusto il tempo di farlo sciogliere.
  • Porre in una bowl di vetro e coprire con un panno caldo e umido (oppure in inverno con una coperta in lana) e lasciar lievitare per 1 ore circa o fino al raddoppio.
  • Una volta che è lievitato sgonfiare l’impasto e dividerlo in 2: una parte sarà destinata ai grissino mentre l’altra ai crakers.

Grissini:

  • Staccate delle piccole palline di impasto e formate dei filoncini molto sottili, cospargeteli di sale grosso, poneteli  sulla teglia e fateli lievitare ancora 30 minuti.
  • Nel frattempo scaldate il forno a 200°c dopodichè infornateli per 10 minuti circa.

Crakers:

  • Infarinare il piano di lavoro e tirare la pasta il più fine possibile, cospargere di sale grosso e infornate sempre a 200°C per 2 o 3 minuti (fino doratura)

Buona Befana a tutti!!!

NEWS: per chi fosse interessato….i corsi di pasticceria che ho proposto in precedenza sono ancora validi. Chi fosse interessato mi contatti alla seguente mail

vogliadidolci@gmail.com

che ci metteremo d’accordo con le date che le dovrò far anche combaciare con i turni di lavoro.

A presto!!

e finalmente..la brioche di ducaisse! 28 ottobre , 2010

Posted by vogliadidolci in lievitati.
Tags: , , , , , ,
add a comment

Eccola finalmente la brioche di cui vi ho tanto parlato!

Questa ricetta è stata prrsa dal libro Dessert di Alain Ducaisse..per me uno tra i migliori pasticceri francesi ( penso che nella pasticceria la Francia sia davvero un gradino sopra di noi…)

Ma passiamo al dunque: la prima volta che la feci pensai che fosse troppo “insipida” se mangiata da sola, ma accostandola alla marmellata di prugne del post precedente era perfetta! un solo accorgimento: se la dovete mangiare da sola, fatela con le dosi che vi do ora dove ho aumentato un pochino lo zucchero.. vi godrete un paradiso di sofficità, fragranza e dolcezza!

BRIOCHE

PER UNO STAMPO DA PLUM CAKE DI 30X11 cm

200 g farina manitoba

100 g uova intere

50 g zucchero semolato

7 g lievito di birra

3 g sale

100 g burro pomata

20 g tuorlo

  • Nell’impastatrice unite farina, uova, zuchero e il  lievito sbriciolato e impastare bene per una decina di minuti.
  • Unire poi il burro in tre volte, senza aggiungerne dell’altro se il pezzo precedente non è stato ben assorbito e impastare altri 10 minuti per poter incordare bene l’impasto; a questo punto unire il sale e impastare ancora 2 minuti.
  • Porre l’impasto in una bowl di vetro coperta da pellicola trasparente o da uno straccio umido e tenetelo al caldo per un ora e mezza circa (deve raddoppiare di volume)
  • Trascorso questo tempo, sgonfiate l’impasto dandogli una leggera reimpastata, dopodichè ponetelo nello stampo precedentemente imburrato e infarinato e ponetelo a lievitare come prima per 30 minuti.
  • Nel frattempo accendete il forno a 190°C e, trascorsa la mezz’ora infornatelo per 30 minuti con la funzione ventilato.
  • Fate intiepidire, sformatelo su una gratella, copritelo con uno strofinaccio e lasciatela raffreddare.