jump to navigation

pasta frolla 16 gennaio , 2010

Posted by vogliadidolci in paste base.
Tags: , , ,
trackback

Prima di darvi gli  ingredienti e il procedimento preferirei spendere due parole su questa pasta base.

La pasta frolla viene usata soprattutto per  la realizzazione di crostate, biscotti, tartellette alla frutta, dolci da forno o semifreddi. Non tutte le frolle sono uguali: ve ne sono di diversi tipi e utilizzi: per biscotti, per crostate, montata e la fantastica ovis molis fatta con tuorli d’uovo sodi che vi permetterà di realizzare biscotti e pasticcini friabilissimi; in questo caso vi darò la ricetta della pasta frolla per crostate. Prima di dutto dovremo decidere se nella crostata vi andranno delle creme o verrà cotta “in bianco” cioè senza alcun ripeno perchè da li vedremo il tempo di cotura, dopodichè dovremo ricordarci che il burro dà la friabilità mentre lo zucchero la croccantezza.

E’ molto calorica se teniamo conto che ha circa 400 kcal su 100 gr…ma io penso che qundo si deve fare un dolce non si deve badare alla linea!

PASTA FROLLA

250 g farina “00”

125 g burro morbido

70 g zucchero

2 tuorli

aroma a piacere (a me piace molto con la scorza di un limone grattuggiata)

un pizzico di sale (per esaltare i sapori)

0.25 dl acqua (un cucchiaio da minestra)

  • Setacciare la farina e menscolarla all’aroma, il sale e lo zucchero; porre il tutto sul piano da lavoro e formare una fontana dove al centro metteremo il burro, i tuorli e l’acqua.
  • Lavorare bene tutti gli ingredienti in pochi minuti per non rischiare di sciogliere il burro e farla risultare troppo dura in cottura ottenendo un composto omogeneo ma non ancora elastico
  • Formare in panetto, avvolgerlo nella pellicola trasparente e porlo in frigorifero per almeno 30 minuti (questo farà si che tornerà la durezza del burro e quindi una successiva friabilità ed elasticità)

N.B. se verrà cotta in bianco avrà una cottura di 15-20 minuti circa (stendere la pasta a 0.5 cm, bucarla, foderarla con della carta stagnola o carta forno e riempirla di sale grosso per evitare che gonfi e farà delle gobbe), se con un ripieno di 20-25 minuti circa (stendere la pasta a 0.5 cm, bucarla, e riempirla a piacere ricordando di arrivare a riempire a 3/4 e non fino all’orlo).

Questa lavorazione la si può anche fare in un’impastarice o in un frullatore stando ben attenti a non scaldare l’impasto.

NON AUTORIZZO la pubblicazione dei testi in tutto o in parte e delle foto, in alcuno spazio della rete, che siano forum o altro, senza preventiva richiesta perchè sono protetti dalla legge sul diritto d’autore n. 633/1941e successive modifiche.

Commenti»

No comments yet — be the first.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: